In lavorazione...
The Hope Diamond - Value, History and Mystery
The Hope Diamond - Valore, storia e mistero
Questo testo è stato tradotto automaticamente. Spettacolo originale?

In lavorazione...

the hope diamondFor many centuries, the Hope Diamond has remained as one of the most famous and largest colored Diamonds in the world. Whether it’s due to the Diamond’s vast collection of wealthy owners, thieves and French royals, or its vibrant color and impressive size, or even its notorious reputation of being cursed, the Hope Diamond is still one of the most talked about Diamonds to date. With ownership records dating back almost four centuries, the Hope Diamond has had an impressive list of owners before it was donated to the Smithsonian Institution in 1958, where it is still housed today at the National Museum of Natural History.

Weighing in at 45.52 carats, the Hope Diamond exudes brilliance and beauty through its Fancy dark greyish-blue color and VS1 clarity rating. Today, the cushion antique brilliant cut Diamond has a faceted girdle and extra facets on the pavilion and is surrounded in a pendant of 16 white Diamonds, both pear shapes and cushion cuts.

What Makes The Hope Diamond Special?

A recent study in August 2018 found that blue Diamonds, like the Hope Diamond, are among the rarest Diamonds on Earth. A recent survey followed of approximately 13.8 million Diamonds found that only 0.02 percent were categorised as blue Diamonds. 

Furthermore, the study, which was published in the journal Nature, suggested that blue Diamonds form four times as deep in the Earth as colorless Diamonds, at depths of over 400 miles below the surface.  For a long time, the origin of blue Diamonds had remained a puzzle to geologists and jewelers alike, but this new research offered an insight into the complex geologic sequences that create blue Diamonds like the elusive Hope Diamond.

Hope Diamond History

Believed to have originated in the Kollur mine in Golconda, India, the Hope Diamond was originally a much larger stone when it was purchased by French merchant traveller, Jean Baptiste Tavernier in the 17th century. Tavernier later described the 112 3/16- carat Diamond as beautifully violet colored and somewhat crudely cut in a triangular shape. The larger stone was soon named the Tavernier Blue and was over 60 carats bigger than the Hope Diamond, which is ultimately just a small piece of what the stone once was. Interestingly, while experts had always suspected that the Hope Diamond was cut from Tavernier Blue, it was not until 2005 that it was proven to be a descendant of the larger stone.

the hope diamond

In 1668, Tavernier sold the Diamond, along with a number of other large Diamonds and several smaller ones, to King Louis XIV. According to the Journal of the Royal Society of Arts, the Tavernier Blue became the first recorded blue Diamond in Europe and became known as the ‘Blue Diamond of the Crown’ or the ‘French Blue’, due to its described intense steely-blue color. Five years after purchasing the jewel, King Louis had it cut down in size to ⅛ carat stone, by the court jeweler Sieur Pitau. Wanting to showcase the stones best facets and glittering brilliance, Louis then had it set in gold and hung on a neck ribbon, which he wore on ceremonial occasions.

In 1749, King Louis XV had the stone reset with an impressive red Spinel for the Order of the Golden Fleece, by court jeweler Andre Jacquemin. For the next few years before the French Revolution, the French monarchs continued to don the beautiful rare gem. Although there is no historical evidence, many believe that even Marie Antoinette doned the beautiful French Blue a number of times. After an attempt by Louis XVI and Marie Antoniette to flee France in 1791 during the French Revolution, the crown jewels of the French Royal Treasury were turned over to the Government for safe keeping. During a week-long looting in 1792, a large portion of the French crown jewels were stolen, including the French Blue. For many years, it was believed the Louis XVI was the last owner of the French Blue.

It wasn’t until the early 19th century that a smaller blue Diamond of 45.52 carats with a matching beautiful violet hue to the Tavernier, resurfaced in England under the possession of London diamond merchant, Daniel Eliason. Strong evidence suggests that it was in fact the recut French Blue. Several references suggest that the Diamond was eventually acquired by King George IV, however following his death in 1830, it was most likely sold through private channels to help compensate his enormous debts.

In 1839, the Diamond surfaced within the gem collection catalogue of the well-known Henry Philip Hope, with whom the Diamond takes its name today. Unfortunately there is no evidence in the catalogue about how he acquired the Diamond or how much he paid for it. Following his death later in the year, the Diamond was passed down to his nephew Henry Thomas Hope and then to his nephew’s grandson Lord Francis Hope. Over the next few years, the Diamond underwent a number of different owners, up until it was resold to Pierre Cartier in 1909. In 1910, the Hope Diamond was shown to Washington D.C. socialite Mrs. Evalyn Walsh McLean, at Cartier’s in Paris. After resetting the Diamond and mounting it as a headpiece on a three-tiered circlet of large white Diamonds, Cartier sold the Diamond to Mrs. McLean in 1911. Soon after, the Hope Diamond became the pendant of the necklace that remains today.

the hope diamond

Following Mrs. McLean’s passing in 1947, Harry Winston Inc. of New York City purchased her entire jewelry collection, which included the Hope Diamond in 1949. For the next 10 years the Hope Diamond was shown at many exhibits and charity events worldwide, before it was donated to the Smithsonian Institution, where it remains today as a premier attraction. Since its re homing on November 10, 1958, the Hope Diamond has left the Smithsonian only four times for exhibitions or cleaning and restoration work. With such an extensive history that dates back four centuries, it is no wonder that the Hope Diamond remains a favourite for many worldwide.

Hope Diamond Curse

Perhaps the most interesting aspect of the Hope Diamond is the alleged curse it spread to its owners over the last four centuries. According to the legend, the Hope Diamond brought great misfortune to the person who owned and wore the jewel, with tales of suicide, murder, bankruptcy, failed marriages and tragedy. However there are strong indications to suggest that these stories were fabricated to increase publicity and in turn the value of the beautiful jewel. That being said, there is still adequate evidence to suggest that the legend has some truth to it too.

The legend originates back to when Jean-Baptiste Tavernier discovered the blue Diamond in the Kollur mine in Golcanda in southern India. It is suggested that the Diamond was previously embedded in the head of a Hindu goddess statue, perhaps as an eye. Some tales suggest that it was Tavernier himself who took the Diamond from the statue, while others say it was someone else who then sold his spoils to the Frenchmen. Either way, each legend agrees that it was this act of theft that initially placed the curse on the stone. Some stories say that Tavernier was supposedly mauled to death by dogs thereafter, although evidence suggests that he retired a wealthy man, after selling the jewel to King Louis XIV of France.

In the early 20th century, a number of newspapers ran articles that listed the supposed cases of misfortune from the Hope Diamond, which further spread the curse story. An article in the New York Times in 1911 listed examples from King Louis XVI and his wife Marie Antionette beheadings, to Jacques Colet’s suicide and even temporary wearer, Princess de Lamballe’s horrific rape and murder, all as cases to suggest the Diamond’s curse.

the hope diamond

It was later suggested that jeweler Pierre Cartier further fuelled the whispered tales by applying elements of Wilkie Collins’ novel ‘The Moonstone’ to the Hope Diamond tale, during Evalyn and Ned McLean’s visit to the Cartier store in Paris. It is assumed Cartier embroidered the story in an attempt to convince them to buy the Diamond. The story successfully entranced Evalyn to later purchase the Diamond and she soon became one of the most iconic owners of the Hope Diamond. While evidence suggested that the curse was fabricated to increase publicity, mystery and appeal of the Hope Diamond in the 20th century, misfortune still followed thereafter, with Mrs McLean’s mother-in-law passing, her son dying at the age of nine, her husband divorcing her for another woman and soon after dying in a mental hospital, her daughter dying from a drug overdose at 25 and the family losing their fortunes to bankruptcy.

Even the mailman who delivered the Diamond to the Smithsonian after it was donated by Harry Winston in 1958, suffered a crushed leg injury soon after, his home caught fire and both his wife and dog died soon after.

While many believe these misfortunes occurred because of the Hope Diamond, others are adamant that they are just coincidental circumstances and can be blamed on other causes. Smithsonian curator Jeffrey Post told PBS that he believed the curse was an interesting part of the Diamond’s history, but that it was not true.

“The curse is a fascinating part of the story of the Hope Diamond that has helped to make the Diamond as famous as it is. But as a scientist, as a curator, I don’t believe in curses,” said Mr Post.

So whether you believe the curse or not, the Hope Diamond’s infamous history dating back over four centuries proves for an entertaining read. If you are as enamoured by the beauty and rarity of blue Diamonds like the Hope Diamond, you can purchase one today from Gem Rock Auctions.

SHOP FOR BLUE DIAMONDS

il diamante speranza Per molti secoli, il diamante Hope è rimasto come uno dei diamanti colorati più famosi e più grandi del mondo. Sia che sia dovuto alla vasta collezione di diamanti di ricchi proprietari, ladri e reali francesi, o al suo colore vibrante e dimensioni impressionanti, o anche alla sua famigerata reputazione di essere maledetto, il diamante Hope è ancora uno dei diamanti più discussi fino ad oggi. Con registri di proprietà che risalgono a quasi quattro secoli fa, Hope Diamond ha avuto un impressionante elenco di proprietari prima di essere donato alla Smithsonian Institution nel 1958, dove è ancora oggi ospitato al Museo Nazionale di Storia Naturale.

Con un peso di 45,52 carati, Hope Diamond trasuda brillantezza e bellezza attraverso il suo colore blu scuro grigio-azzurro fantasia e il grado di chiarezza VS1. Oggi, il cuscino Diamond taglio brillante antico ha una cintura sfaccettata e sfaccettature extra sul padiglione ed è circondato da un pendente di 16 diamanti bianchi, sia a forma di pera che a taglio a cuscino.

Cosa rende speciale The Hope Diamond?

Un recente studio dell'agosto 2018 ha scoperto che i diamanti blu, come il diamante Hope, sono tra i diamanti più rari sulla Terra. Un recente sondaggio seguito da circa 13,8 milioni di diamanti ha rilevato che solo lo 0,02 percento era classificato come diamanti blu.

Inoltre, lo studio, che è stato pubblicato sulla rivista Nature, ha suggerito che i diamanti blu formano quattro volte più profondi nella Terra dei diamanti incolori, a una profondità di oltre 400 miglia sotto la superficie. Per molto tempo, l'origine dei diamanti blu era rimasta un enigma sia per i geologi che per i gioiellieri, ma questa nuova ricerca ha offerto uno spaccato delle complesse sequenze geologiche che creano diamanti blu come l'elusivo Hope Diamond.

Hope Diamond History

Ritenuto originario della miniera di Kollur a Golconda, in India, il diamante Hope era originariamente una pietra molto più grande quando fu acquistato dal viaggiatore mercantile francese, Jean Baptiste Tavernier nel 17 ° secolo. Tavernier in seguito descrisse il Diamante 112 3/16 carati come meravigliosamente di colore viola e un po 'grossolanamente tagliato in una forma triangolare. La pietra più grande fu presto chiamata Tavernier Blue ed era oltre 60 carati più grande del Hope Diamond, che alla fine è solo un piccolo pezzo di quello che una volta era la pietra. È interessante notare che, mentre gli esperti avevano sempre sospettato che il diamante Hope fosse stato tagliato da Tavernier Blue, non è stato fino al 2005 che è stato dimostrato che era un discendente della pietra più grande.

il diamante speranza

Nel 1668, Tavernier vendette il diamante, insieme a una serie di altri grandi diamanti e molti altri più piccoli, al re Luigi XIV. Secondo il Journal of Royal Society of Arts, il Tavernier Blue divenne il primo diamante blu registrato in Europa e divenne noto come "Blue Diamond of the Crown" o "French Blue", a causa del suo intenso colore blu intenso . Cinque anni dopo l'acquisto del gioiello, il re Louis lo fece tagliare in ⅛ pietra di carati, dal gioielliere di corte Sieur Pitau. Volendo mostrare le migliori sfaccettature delle pietre e lo splendore scintillante, Louis le fece indossare l'oro e appese a un fiocco sul collo, che indossava in occasioni cerimoniali.

Nel 1749, re Luigi XV fece ripristinare la pietra con un impressionante Spinello rosso per l'Ordine del vello d'oro, dal gioielliere di corte Andre Jacquemin. Per i prossimi anni prima della Rivoluzione francese, i monarchi francesi continuarono a indossare la bellissima gemma rara. Sebbene non ci siano prove storiche, molti credono che anche Maria Antonietta abbia donato il bellissimo blu francese diverse volte. Dopo un tentativo di Luigi XVI e Maria Antoniette di fuggire dalla Francia nel 1791 durante la Rivoluzione francese, i gioielli della corona del tesoro reale francese furono consegnati al governo per essere custoditi. Durante un saccheggio di una settimana nel 1792, una gran parte dei gioielli della corona francese furono rubati, incluso il blu francese. Per molti anni, si credeva che Luigi XVI fosse l'ultimo proprietario del blu francese.

Fu solo all'inizio del XIX secolo che un diamante blu più piccolo di 45,52 carati con una bella tonalità viola abbinata al Tavernier, riemerse in Inghilterra sotto il possesso del commerciante di diamanti di Londra, Daniel Eliason. Prove forti suggeriscono che era in realtà il francese blu recut. Numerose referenze suggeriscono che il diamante fu infine acquisito dal re Giorgio IV, tuttavia dopo la sua morte nel 1830, fu probabilmente venduto attraverso canali privati per aiutare a compensare i suoi enormi debiti.

Nel 1839, il diamante emerse nel catalogo della collezione di gemme del famoso Henry Philip Hope, con il quale il diamante prende il nome oggi. Purtroppo non ci sono prove nel catalogo su come ha acquistato il diamante o quanto ha pagato per questo. Dopo la sua morte, avvenuta nel corso dell'anno, il diamante è stato tramandato a suo nipote Henry Thomas Hope e poi al nipote di suo nipote Lord Francis Hope. Nel corso dei prossimi anni, la Diamond subì numerosi proprietari diversi, fino a quando fu rivenduta a Pierre Cartier nel 1909. Nel 1910, la Hope Diamond fu mostrata alla socialite di Washington DC, la signora Evalyn Walsh McLean, al Cartier di Parigi. Dopo aver ripristinato il diamante e averlo montato come copricapo su un cerchietto a tre livelli di grandi diamanti bianchi, Cartier vendette il diamante alla signora McLean nel 1911. Poco dopo, il diamante Hope divenne il ciondolo della collana che rimane oggi.

il diamante speranza

In seguito alla scomparsa della signora McLean nel 1947, Harry Winston Inc. di New York City acquistò la sua intera collezione di gioielli, che includeva Hope Diamond nel 1949. Per i successivi 10 anni Hope Diamond fu mostrato in molte mostre ed eventi di beneficenza in tutto il mondo, prima di esso fu donato alla Smithsonian Institution, dove oggi rimane una delle principali attrazioni. Dal suo ritorno al 10 novembre 1958, Hope Diamond ha lasciato Smithsonian solo quattro volte per mostre o lavori di pulizia e restauro. Con una storia così vasta che risale a quattro secoli fa, non c'è da meravigliarsi che il diamante Hope rimanga il favorito per molti in tutto il mondo.

Hope Diamond Curse

Forse l'aspetto più interessante di Hope Diamond è la presunta maledizione che ha diffuso ai suoi proprietari negli ultimi quattro secoli. Secondo la leggenda, il diamante Hope ha portato una grande sventura alla persona che possedeva e indossava il gioiello, con storie di suicidio, omicidio, fallimento, matrimoni falliti e tragedia. Tuttavia ci sono forti indicazioni per suggerire che queste storie sono state fabbricate per aumentare la pubblicità e, a sua volta, il valore del bellissimo gioiello. Detto questo, ci sono ancora prove sufficienti per suggerire che anche la leggenda abbia qualche verità.

La leggenda risale a quando Jean-Baptiste Tavernier scoprì il diamante blu nella miniera di Kollur a Golcanda, nel sud dell'India. Si suggerisce che il diamante fosse precedentemente incastonato nella testa di una statua della dea indù, forse come un occhio. Alcuni racconti suggeriscono che fu lo stesso Tavernier a prendere il diamante dalla statua, mentre altri affermano che fu qualcun altro a vendere il suo bottino ai francesi. Ad ogni modo, ogni leggenda concorda sul fatto che è stato questo atto di furto che ha inizialmente posto la maledizione sulla pietra. Alcune storie dicono che Tavernier fu presumibilmente ucciso dai cani in seguito, anche se le prove suggeriscono che si ritirò un uomo ricco, dopo aver venduto il gioiello al re Luigi XIV di Francia.

All'inizio del XX secolo, un certo numero di giornali pubblicava articoli che elencavano i presunti casi di sventura del Hope Diamond, che diffondeva ulteriormente la maledizione. Un articolo del New York Times del 1911 elencava esempi di decapitazioni del re Luigi XVI e della moglie Marie Antionette, al suicidio di Jacques Colet e persino a chi lo indossava temporaneamente, lo stupro e l'omicidio stupefacenti della principessa de Lamballe, tutti come casi per suggerire la maledizione del diamante.

il diamante speranza

In seguito fu suggerito che il gioielliere Pierre Cartier alimentò ulteriormente le storie sussurrate applicando elementi del romanzo di Wilkie Collins "The Moonstone" al racconto di Hope Diamond, durante la visita di Evalyn e Ned McLean al negozio Cartier di Parigi. Si presume che Cartier abbia ricamato la storia nel tentativo di convincerli ad acquistare il diamante. La storia ha incantato con successo Evalyn per l'acquisto successivo del diamante e presto divenne uno dei proprietari più iconici di Hope Diamond. Mentre le prove suggeriscono che la maledizione è stata fabbricata per aumentare la pubblicità, il mistero e il fascino del Hope Diamond nel 20 ° secolo, la disgrazia seguiva ancora da allora in poi, con la scomparsa della suocera della signora McLean, suo figlio morì all'età di nove anni, suo marito divorziandola per un'altra donna e subito dopo essere morta in un ospedale psichiatrico, sua figlia morì per overdose a 25 anni e la famiglia perse la fortuna per bancarotta.

Perfino il postino che consegnò il diamante allo Smithsonian dopo che fu donato da Harry Winston nel 1958, subito dopo ebbe un trauma alla gamba, la sua casa prese fuoco e la moglie e il cane morirono poco dopo.

Mentre molti credono che queste disgrazie si siano verificate a causa del diamante Hope, altri sono fermamente convinti di essere solo circostanze casuali e che possono essere incolpate di altre cause. Il curatore di Smithsonian Jeffrey Post ha detto a PBS che credeva che la maledizione fosse una parte interessante della storia del diamante, ma che non era vero.

“La maledizione è una parte affascinante della storia di Hope Diamond che ha contribuito a rendere il diamante famoso come è. Ma come scienziato, come curatore, non credo nelle maledizioni ", ha affermato Post.

Quindi, che tu creda o meno alla maledizione, la famigerata storia di Hope Diamond risalente a oltre quattro secoli si rivela una lettura divertente. Se sei così affascinato dalla bellezza e dalla rarità dei diamanti blu come il diamante Hope, puoi acquistarne uno oggi da Gem Rock Auctions.

ACQUISTA PER DIAMANTI BLU

Questo testo è stato tradotto automaticamente. Spettacolo originale?

questo articolo è stato utile?

2 persone hanno trovato utile questo articolo

Cerca il Gemstone Encyclopedia

A-Z Of Gemstones

A-Z Of Gemstones

A-Z Of Gemstones
205 articoli
Additional Gemstone Information

Additional Gemstone Information

Additional Gemstone Information
64 articoli
Birthstones By Month

Birthstones By Month

Our list of birthstones by month will help you understand what each birthstone means and why they make thoughtful and beautiful gifts.
13 articoli
Did You Know?

Did You Know?

Did You Know?
80 articoli
Drawing Design Awards

Drawing Design Awards

Drawing Design Awards
2 articoli
Gem Rock Auctions Verified Sellers

Gem Rock Auctions Verified Sellers

Gem Rock Auctions Verified Sellers
3 articoli
Holistic Gemstone Information

Holistic Gemstone Information

Holistic Gemstone Information
14 articoli
How To's

How To's

How To's is where you will find helpful articles from gem Rock Auctions on how to cut gemstones, select gemstones and buy gemstones.
11 articoli
News

News

News and events on Gem Rock Auctions
48 articoli
Technical Information on Gemstones

Technical Information on Gemstones

Technical Information on Gemstones
34 articoli